La ricetta di questo secondo piatto è  facile, tuttavia richiede parecchio tempo, l’ideale è iniziare la preparazione al mattino e servire per cena. Molti non amano la carne di cavallo, invece è un alimento molto ricco di ferro e per questo consigliato a sportivi, bambini e donne in gravidanza.  

spezzatino di cavalloIngredienti (per 6 persone):
1 Kg. di carne di cavallo
500 g. di pomodori da sugo
100 g. di farina 00
1 bottiglia di vino rosso
3 cipolle
2 carote
1 costa di sedano
olio d’oliva
burro
sale
pepe

Preparazione:
Battete la carne con la lama di un coltello, tagliatela a dadini e mettetela in una ciotola capiente. Lavate e spuntate sedano e carota, eliminate i filamenti dal primo e raschiate la seconda, sbucciate le cipolle e infine affettate il tutto e unite alla carne. Mescolate la carne di cavallo e le verdure, versate il vino, coprite la ciotola con la pellicola trasparente e lasciate riposare otto ore in un luogo fresco.
Scolate la carne (conservate le verdure marinate ed il vino), asciugatela e passatela nella farina, scaldate l’olio in una casseruola grande e soffriggetevi la carne per 15 minuti circa mescolando spesso.
Lavate i pomodori, tagliateli a pezzetti ed eliminatene i semi, versateli insieme alle verdure marinate nella casseruola con la carne e cuocete per dieci minuti mescolando con un cucchiaio di legno.
Unite il vino, salate, pepate e proseguite la cottura a fiamma bassa per circa tre ore.
Al termine della cottura scolate la carne, fate restringere il fondo di cottura alzando la fiamma e passatelo al setaccio; impastate una o due noci di burro a un cucchiaio di farina, versate il fondo ristretto nuovamente nella casseruola e unitevi il burro amalgamato con la farina, mescolate bene il tutto e unitevi la carne, riportate a bollore e infine servite.
Vi consiglio di accompagnare questo piatto con la polenta.

2 Commenti

  • marco scrive:

    non e’ uno stufato cosi’,e’ uno spezzatino……ricetta discreta comunque. Complimenti,lunga ma buona con qualche accorgimento in piu’….

    • Michele scrive:

      Infatti non ho mai scritto che è uno stufato :-)
      Se hai dei suggerimenti su come migliorarla sarò lieto di provarli e aggiornare la ricetta con le tue varianti.
      Ciao e grazie per i complimenti!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricetta successiva
»